Il luogo di lavoro del futuro potrebbe non occupare uno spazio fisico

La tendenza verso il lavoro mobile e remoto è in aumento e non sembra che stia per fermarsi, dato che gli impiegati chiedono più flessibilità sul dove e quando svolgere i compiti assegnati.

Meno di uno su tre impiegati (il 32%) —ed ancora meno lavoratori millenial (il 27%) —hanno trascorso completa quest’anno la loro giornata lavorativa nell’ufficio fisico della loro ditta, secondo un nuovo sondaggio di Staples.

Pensiamo a questo: dieci anni fa quelle percentuali sarebbero state inconcepibili. Ma la tecnologia digitale nella forma d’internet, dispositivi mobili, cloud computing, ed altri hanno reso possibile estendere il luogo di lavoro ovunque l’impiegato possa collegarsi ad una rete.

Strumenti come la videoconferenza e la collaborazione remota, relativamente nuovi – e inconsistenti – una decina di anni fa, ora sono comuni perché le aziende traggono vantaggio dalle reti più potenti e dal cloud.

Esse stanno anche reagendo alle richieste degli impiegati. Il sondaggio di Staples sui lavoratori di ditte in America del Nord dimostra che il 43% dei partecipanti considera la flessibilità di poter lavorare in remoto una necessità.

“Mentre l’ufficio è ancora la base, lavorare in remoto anche se occasionalmente non è più un vantaggio opzionale, ma una parte essenziale del posto di lavoro che riguarda tanto l’assunzione di talenti come la produttività”, ha dichiarato Staples annunciando i risultati del suo sondaggio annuale sul posto di lavoro.

Quindi, quando si fermerà questa tendenza —se lo fa? Secondo il sondaggio di Staples, il 57% dei partecipanti considerano che lavorare in remoto elimina le distrazioni. Se gli impiegati possono essere più produttivi lavorando in questo modo, e le aziende possono risparmiare denaro ridimensionando o addirittura eliminando gli uffici fisici, perché non andare fino in fondo?

Certamente ci sono motivi di peso per preservare un ufficio principale o quartier generale: poter parlare con i colleghi faccia a faccia e lavorare fianco a fianco ha tanti vantaggi, ed è utile avere uno spazio per incontrarsi con clienti, partner commerciali e potenziali dipendenti. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, ciò richiede a malapena un intero edificio o almeno un piano.

Le aziende più piccole sono diventate virtuali da un po’ di tempo ormai, spesso perché non possono permettersi di acquistare o affittare un ufficio. Ma non soprenderti se, più avanti, le aziende grandi prenderanno la stessa decisione. La tecnologia esiste; è solo questione di senso strategico (e finanziario).

La tua azienda ha ancora un ufficio o spazio di lavoro condiviso? Ne ha veramente bisogno?


 Chris Nerney è uno scrittore specializzato in tecnologia mobile, collaborazione sul posto di lavoro, automazione, intelligenza artificiale e cloud computing.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s

%d bloggers like this: