DXC Italia, presente alla prima edizione degli Stati Generali del Security Management

DXC Italia parteciperà alla prima edizione degli “Stati Generali del Security Management”, che si svolgerà nei giorni 21 e 22 novembre 2018 presso l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Il convegno è organizzato dal Centro Studi in Intelligence Economica e Security Management e avrà come tema di riferimento “«Complessità di Security e Professionisti della Security» Scenari, proposte per una funzione ed una professione in continua evoluzione”.

Federico Santi, Security Practice Leader di DXC, e Danilo Benedetti, Security Solutions Architect di DXC, parleranno della “Intelligenza Artificiale e IoT: il ruolo del manager di sicurezza”. Secondo entrambi “siamo in presenza del  convergere, con velocità crescente, di tre tecnologie fortemente correlate: il cloud, i device attivi che costituiscono la cosidetta Internet of Things e l’intelligenza artificiale”.

Da una parte, affermano, “gli IoT per loro natura generano una enorme quantità di dati, spesso in tempo reale. Il Cloud per le proprie caratteristiche di elasticità e scalabilità si candida come piattaforma di elezione per la raccolta e la elaborazione di questi dati, mentre le tecniche di Intelligenza Artificale (IA), mettendo a disposizione strumenti per l’estrazione di significato – e di valore – da enormi moli di dati, costituiscono l’elemento che completa la catena del valore di questa evoluzione tecnologica”.

Benedetti e Santi si propongono approfondire il ruolo che il Security Manager è chiamato ad occupare in questa evoluzione. Quindi, spiegano, bisogna sapere quali sono le tecniche per governare questi fenomeni, mentre si mantiene la sicurezza e la conformità dell’organizzazione che se ne vuole dotare, e si ottiene valore dai dati.

Gli esperti in sicurezza di DXC si centrano nelle “sfide legate all’adozione di sistemi IoT e all’utilizzo della tecniche di IA, sottolineandone sia gli aspetti di sicurezza che quelli, sempre più importanti, di rispetto delle normative sulla privacy, mettendo in luce la centralità del ruolo del security manager, chiamato a governare l’uso di queste tecnologie nell’arco di tutto il loro ciclo di vita, dal disegno all’utilizzo alla dismissione, al fine di abilitare il business a sfruttare le enormi potenzialità offerte da questi sistemi, mantenendo efficacemente sotto controllo i rischi ad esse connessi”.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: